CHANNELLING: contatto psichico e spirituale.....6.....11.....19

CHANNELLING:
contatto psichico e spirituale.

Channeling è una parola che recentemente ha assunto un significato sempre più popolare. Il significato letterale è “canalizzare”, ma si preferisce usare la forma americana di channeling, piuttosto che quella inglese di channelling.
Comunemente si intende la capacità di essere tramite di una coscienza evoluta
come possono essere le Entità di Luce, gli Spiriti Guida, gli Angeli e i Maestri, oppure, più raramente è l'entrare in una dimensione di coscienza risvegliata, in questo caso non si tratta di entità, ma di diretta comunione con la Sorgente.
Spesso si confonde il channeling con la
medianità che è la capacità di essere tramite di anime defunte.

Si possono trovare moltissimi libri pubblicati che riportano messaggi avvenuti in channeling, moltissime sono le entità che parlano all’umanità. Non è difficile mettersi in contatto con esse, non è difficile diventare tramite di messaggi di amore e di saggezza.

Spesso queste comunicazioni arrivano senza preavviso a chi non ha mai fatto nulla per entrare in channeling, in uno stato cioè di apertura alle dimensioni più sottili dell'Esistenza. Anche se i messaggi sono sempre di speranza e di amore, alcuni portano un significato più profondo, trasmettono qualche cosa di più sostanzioso di altri.
Alcuni messaggi lasciano una traccia più profonda di altri.

Ma da che cosa dipende questa differenza? Si può imputare all’entità più o meno elevata o al canale più o meno pronto, più o meno puro?

Ci sono due approcci fondamentali, uno è psichico, l’altro è spirituale.
Il
Channeling psichico riguarda i poteri del quarto corpo, i poteri mentali che sono innumerevoli, come il contatto con specifiche entità, la divinazione, i presagi, le previsioni, le diagnosi e moltissime altre facoltà. In questo caso entrano in azione le capacità insondabili della mente non razionale.
Ci sono diversi metodi per “entrare in contatto”, dalla classica “
plancette”, fino al famoso bicchiere, dalla scrittura psichica, a quella automatica, dalle visualizzazioni alla semplice intuizione.

Bisogna rendersi conto che questo approccio ha bisogno di un percorso iniziatico, avere a che fare con queste, ai giorni nostri miseriose, capacità mentali non è facile e non è per tutti. Si rischia di scatenare forze insondate della nostra stessa mente e psiche, infatti si tocca l'area dell'inconscio.
In antichità molte erano le scuole che si occupavano di questo, intere vite erano dedicate allo sviluppo di uno solo dei poteri mentali come la divinazione, la materializzazione, i viaggi astrali o altri. Nell'era moderna questo tipo di dedizione è quasi impensabile anche se questi poteri possono essere proposti come facili in relatà nell'attuale società ed educazione resatano assai rari, soprattutto se gestiti in modo equilibrato e positivo.

Il Channelling spirituale ha a che vedere con il Divino, la luce Interiore, non con l’inconscio. In questo approccio non abbiamo a che fare con i poteri psichici della mente, ma con l'essere stesso, con ciò che in noi è eterno, perfetto amore, perfetta pace, è ciò che è Verità Universale. In questo approccio il channelling’è una costante evoluzione, il Channelling non è al servizio dell’”io” ma tende al risveglio alla Verità, al dissolversi della dualità e dell’illusione dell’io.

Il Channelling così vissuto è un potere di trasformazione radicale e richiede che il “tramite” sia sul cammino spirituale. In questo caso c’è un solo metodo essenziale per entrare “in contatto” ed è la meditazione. La mente è aperta al punto di conoscere i propri limiti e mettersi da parte, non è più il centro della nostra identità ma un semplice mezzo di comunicazione.
Il Channelling accade quando si conosce la bellezza del silenzio, quando si conosce il silenzio al di là delle parole. Quando il Silenzio è la Guida.

L’intenzione che ci ispira è anche la direzione che prenderà il nostro “contatto”. Se questo mezzo è al servizio del nostro io, se cerchiamo di ottenere qualche cosa dalle Guide, se le entità ci “servono” per affermarci, inevitabilmente cercheremo un contatto “psichico”.
Ecco che cercheremo in ogni modo di sviluppare il Channeling. E questo non è mai consigliato dai veri maestri. Cercare e sviluppare poteri psichici è sempre contrario al nostro cammino spirituale. Il potere psichico può essere una conseguenza del nostro risveglio, della nostra maturità, in questo caso è un “dono” e non è al servizio dell’”io”. Cercarlo è dunque contrario alla vera direzione del Channelling e all’insegnamento più puro delle Guide.

Dunque la potenza e la bellezza dei messaggi dipendono dalla maturità del canale, la Soregente a cui riceviamo i messaggi è unica non ha colore, né forma, né un’ideologia, non ha parole ecco perchè è fondamentale imparare il linguaggio del Silenzio.
E' vero che la Sorgente si presenta sotto vari aspetti e può assumere molti nomi per colmare la distanza con le nostre menti assuefatte al mondo materiale. Chi fa Channelling ha la responsabilità di essere un canale il più possibilmente puro. E questo è un processo di trasformazione che richiede tutto di noi. Per questo il Channelling può essere il nostro cammino spirituale

Il lavoro proposto nella pagina di questo sito
"IL PERCORSO"
approfondice il concetto di Channelling Spirituale.

 

CHANNELLING: contatto psichico e spirituale.



www.channelling.it › channelling_channeling

 

Login utente

test