Che cos’è la coscienza Cristica?......24....6....19

Che cos’è la coscienza Cristica?

L’energia Cristica, la manifestazione del Divino in noi.

“Coscienza Cristica” è un termine che significa cose diverse, per persone diverse. Alcuni lo usano per indicare un essere asceso, un maestro asceso, è quello che saremo come noi dopo che saremo entrati definitivamente in quinta dimensione con tutto il nostro Essere Quantico. 

Coscienza CristicaA mio avviso, Gesù era molto, molto oltre “la coscienza Cristica” lui è stato il precursore di ciò che noi avremmo manifestato oggi in questa realtà. Lui è stato un uomo comune che ha saputo accedere a questo stato di coscienza che è già dentro di noi, ma che nessuno aveva ancora sperimentato e portato come messaggio. Lui ci ha aperto le porte e ci ha dimostrato cosa significa la Divinità interiore, la capacità di connettersi con il Dio che è dentro di noi, per diventare dei creatori consapevoli di una realtà fatta di gioia, abbondanza e amore.

Dal momento che la quinta dimensione è dopo il Piano Mentale, la stessa manifestazione di realtà, ma nel piano di Anima, ne consegue che significa anche raggiungere lo stato di coscienza di consapevolezza cosciente quindi per poter accedere al piano di Anima è necessario anche avere la consapevolezza mentale di essere questo potenziale che è Anima. Ma coloro che sono nei piani mentali più bassi, dove ancora non hanno sperimentato questa connessione con la luce dorata che c’è nel cuore, raramente si riferiscono a se stessi come ad una coscienza Cristica. Alcuni associano con Brahmajnàna  “Dio Realizzazione,” uno stato di samadhi raggiunto quando la kundalini o energia spirituale raggiunge il settimo o chakra della corona. A questo stato di illuminazione, il cuore spirituale o Hridayam apre a questa energia, ma non riesce a mantenerla, per poter mantenere l’energia Cristica non basta aprire il flusso di energia, ma è necessario anche nutrirla con l’amore il vero amore di anima che arriva direttamente dalla fonte di ciò che È.

La definizione di coscienza Cristica molti lo vedono come sinonimo di “perfezione”. La contraddizione è che per entrare in questo stato è necessario vedere a prescindere la perfezione in ciò che si è, è necessario percepire prima l’unione con Anima vera così che questo possa portarci a raggiungere la coscienza Cristica. 

Per alcuni questo termine significa avatar, maestro o discesa di Dio nella forma. Dio scende quando noi gli permettiamo di farlo, quindi il Crsito in noi si manifesta dopo che noi abbiamo aperto le porte del paradiso in terra, perché decidiamo coscientemente di far esprimere parti sconosciute della nostra essenza, l’uomo umano nella sua fisicità lascia il posto all’uomo Animico. Il “Cristo” si riferisce alla Luce che siamo – il Sé, l’Atman, la natura di Budda, il Figlio di Dio, la perla di grande valore, un tesoro sepolto in un campo, il seme che germoglia per far nascere i frutti della vita.

Il “Cristo” è la “particella” della Informe che si trova nel grembo della Shakti, è Anima, che è ciò che lascia Essere, mater , la materia. (Nota: la Trinità qui del Padre, del Figlio ed Anima o Brahman, Atman, e Shakti – o, se è per questo, Osiride, Iside e Horus.)

“Nel baratro di questa oscurità in cui lo spirito d’amore è morto a se stesso [cioè, l’ego è morto], la rivelazione di Dio e la vita eterna hanno la loro origine, perché in questo buio una luce incomprensibile nasce e risplende, questo è il Figlio di Dio, nel quale una persona diventa capace di vedere e contemplare la vita eterna. “ “E ‘Cristo, la luce della verità, che dice:’ Guarda ‘, ed è attraverso di lui che noi siamo in grado di vedere [” Io sono la via, la verità e la vita “], perché egli è la luce della il Padre, senza la quale non c’è luce in cielo né in terra. “

Quando Gesù disse: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno arriva al Padre se non per me “, o quando ha dato la parabola del tesoro nascosto in un campo, penso che si riferisse al fatto che nessuno può conoscere il Padre senza prima conoscere il Sé, Figlio, Cristo o Atman, il vero Sè stesso . Quando si vede il Cristo in noi, si accede istantaneamente al grado di illuminazione senza dover passare le fasi, di dolore, sofferenza, fatica e passione, avviene il salto quantico che ci porta direttamente in quinta dimensione, l’ascensione del corpo con tutto il suo Essere. Per accedere a questa energia oggi è necessario fare dei passi consapevoli, riconoscerla, crederci, connettersi al campo, stare nella verità di Anima e poi permettergli di venire nella luce, solo così potremmo creare la vita che Gesù Cristo ci ha mostrato.  ” Voi farete cose più grandi di me” ed ora tocca a noi esseri mortali agire per portare Anima su questa realtà portandola nella luce per il piano uno di Anima.

Coscienza Cristica, che cos'è? | Rossella Falappa



rossellafalappa.altervista.org/blog/coscienza-cristica-che-cose/

Login utente

test