Noi vediamo ciò che siamo disposti a vedere.

 

Noi vediamo ciò che siamo disposti a vedere. Anche se è vero, come aveva già anticipato Aristotele, che il senso della vista è di una grande importanza, l’occhio vede solo quello che lui vuole vedere.

***************************************

Verissimo.....ma anche tutto l'insieme dell'essere può vedere,sentire, capire, valutare, analizzare, ragionare, credere, amare, donare, ricevere, comprendere, solo ciò che la propria evoluzione personale gli fa pensare, credere, comprendere, sentire, e cosi via....

Se tutto questo diventa Consapevolezza = comprensione totale che "tutto è perfetto per ognuno così come in questo passaggio nel tempo E' ". Allora dove poniamo i giudizi costanti e continui che quotidianamente teniamo nei confronti di altri?

Ecco perchè diventa per me difficile sindacare i comportamenti altrui. Quello che posso fare è di intrattenermi oppure no. Questa è una scelta che ognuno ha il diritto di fare, ma se ci ostiniamo a frequentare le persone e ci permettiamo di criticare il loro PERSONALE modo di vivere la LORO vita, non siamo certamente cristallini, anzi!!!

Peronalmente preferisco dare un taglio netto, anche perchè diventa impossibile relazionarsi nel momento che viviamo su frequenze diverse. Anche se vuoi comprendere e andare oltre, nascerebbero comunque dei continui ed esasperanti fraintendimenti che, di conseguenza, generano un costante malessere=squilibrio.

Libertà per me e per altri di vivere secondo, come ognuno, può e vuole vivere. Il resto, per me, è solo una fastidiosa cortina di fumo che disturba il quieto modo di vivere.

{#emotions_dlg.big-hug}MARINELLA

Login utente

test