Non puoi avere ciò che chiedi, ma solo ciò che hai

Non puoi avere ciò che chiedi, ma solo ciò che hai


avere ciò che chiediChiedere qualcosa sentendone la mancanza ti allontana ancora di più dall’avere ciò che chiedi. Vediamo come funziona davvero la Legge di Attrazione.

All’apparenza potrebbe sembrare strano quello che viene enunciato nel titolo di questo post, ma se mi seguirai converrai alla fine con me che non è possibile avere ciò che chiedi, ma solo ciò che hai.

Partiamo dalla Legge di Attrazione, e vediamo come le cose funzionano davvero. Sicuramente tutti avrete letto nei testi riguardanti l’argomento che per ottenere qualcosa bisogna pensare a quella cosa, e visualizzarla il più possibile, magari enunciando anche frasi che ci aiutano ad attirare quella cosa a noi.

Non tutti però si soffermano sulla parte forse più importante della legge. Se vuoi avere ciò che chiedi, devi necessariamente ‘sentire’ che quella cosa è già tua. Ecco che allora scopriamo perché molte volte non rusciamo ad ottenere quello che desideriamo.

Rivolgersi infatti all’Universo con parole del tipo “Io voglio…” non fa che allontanarci dall’oggetto del nostro desiderio.
Il concetto è illustrato perfettamente da Neal Donald Walsh nel suo bellissimo libro “Conversazioni con Dio“, nel quale lo stesso Dio dice che…

Non puoi avere ciò che chiedi,
né puoi avere qualsiasi cosa tu voglia.
Questo perché la tua stessa richiesta
è una dichiarazione che ti manca qualcosa,
e il tuo dichiarare di desiderare questo
qualcosa funziona soltanto nel senso
di dar luogo a quella precisa esperienza:
il senso della mancanza, nella tua realtà.
La preghiera corretta non è mai perciò
una preghiera di supplica,
ma una preghiera di ringraziamento.

La chiave di tutto è nell’espressione “…perché la tua stessa richiesta è una dichiarazione che ti manca qualcosa“.

Ecco risolto l’arcano, ed ecco spiegato perché non puoi avere ciò che chiedi.
Ma ora passiamo alla seconda parte della questione.

Non puoi avere ciò che chiedi… ma solo ciò che hai

Nel vangelo di Matteo (Mt 13,12) Gesù dice:

A chi ha sarà dato e sarà nell’abbondanza,
e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha.

Se apparentemente questa frase potrebbe sembrare ingiusta, basta interpretare i termini “chi ha / non ha” nel senso di “chi sa di avere / non avere”. Gesù naturalmente parlava del ‘sentire’ di avere o non avere, non intendeva naturalmente il possesso reale.

E’ questa la chiave del titolo di questo blog. Devi sentire di avere già qualcosa per poter avere ciò che chiedi.
La preghiera allora diventa non più un momento di richiesta, così come erroneamente ci viene insegnato da quasi tutte le religioni, ma un atto di ringraziamento per aver già ricevuto quello che stiamo chiedendo.

Sostituiamo le parole “Voglio…” o “Desidero…” con le parole “Io scelgo…” e “Io ringrazio per…”, mantenendo sempre ben presente che le parole naturalmente non bastano per avere ciò che chiedi, ma è di fondamentale importanza che tu senta davvero dentro di te la certezza che quello che stai chiedendo ti è stato già accordato.

“Sentiti un Re e un regno ti verrà dato”.
In altre parole, trasforma la tua supplica in un atto volontario di creazione e di ringraziamento per ciò che ti viene donato.

Paolo Marrone

 

I quanti e il potere della tua mente

Login utente

readme