Si può guarire a livello emotivo?...............1...11....15

Si può guarire a livello emotivo?

WP Greet Box icon

Ciao, grazie per visitare Ecletticamente, il network dei coach italiani. Se vuoi rimanere aggiornato iscriviti gratis al nostro Feed RSS.

Guarigione Emotiva

La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo

(A. Einstein)

“Penso, dunque sono” diceva il filosofo Cartesio. Da tempo immemorabile, la cultura occidentale attribuisce alla mente pensante un’importanza tale, da indurre l’essere umano ad identificarsi sempre più con essa.

Nonostante la scienza insegni che la mente razionale è soltanto una esigua parte del nostro cervello, la parola stessa “mente” non viene quasi mai considerata nel suo significato più completo ma, piuttosto, utilizzata come sinonimo di “mente razionale”.

Lo vediamo anche nella realtà di tutti i giorni: ci affidiamo al pensiero razionale quando si tratta di trovare soluzioni a problemi, valutare situazioni, esprimere opinioni, effettuare scelte, prendere decisioni, decidere ciò che è bene per noi, ciò che non lo è … decidere, addirittura, quale stato d’animo sia più conveniente adottare in determinate circostanze!

Viceversa, le emozioni sono spesso vissute come qualcosa di “pericoloso”, talvolta come un segno di debolezza, talaltra perfino come un ostacolo ai nostri obiettivi.

L’abuso di razionalità nella nostra società, tuttavia, ha fatto sì che l’uomo perdesse sempre più consapevolezza della propria autentica essenza, che non è fatta solo di pensiero analitico, ma anche di emozioni. La convinzione che l’unica realtà esistente sia quella percepibile attraverso la logica e i 5 sensi fisici, ci restituisce una percezione distorta non solo della realtà stessa, ma anche di quello che siamo noi, che abbiamo oramai imparato a costruire la nostra identità sulla base degli stimoli che riceviamo dal contesto esterno.

Quanto può essere riconducibile, tutto questo, alla sofferenza umana e alla difficoltà di poter raggiungere la felicità ed il benessere personale? Una persona che si identifica con la propria mente logica e che basa le proprie verità unicamente su ciò che accade all’esterno di sé, tende a far dipendere la propria stessa felicità dagli eventi esterni, sviluppando di continuo insicurezze e paure. Di conseguenza, sentendo di non avere alcun potere sugli eventi esterni, si sentirà costantemente minacciata nella propria felicità,  e cercherà di acquisire questo potere attraverso la competizione, la prevaricazione, il controllo sugli altri. Questa forma di potere, tuttavia, è pura illusione e non è destinato a durare.

La stessa persona può, tuttavia, scegliere di interrompere questo circolo vizioso e ricongiungersi con il proprio potere autentico. Come?

Attraverso il metodo della guarigione emotiva: spostare l’attenzione sulla propria realtà interiore, là dove risiede il nostro mondo emozionale, permette di ritrovare il contatto con se stessi. Le emozioni sono il linguaggio che l’anima usa per comunicare con noi, sono messaggi che essa ci invia al fine di indicarci se stiamo agendo in allineamento con ciò che ci fa stare bene, oppure no.

Cos’è la guarigione emotiva?

La guarigione emotiva prevede che acquisiamo consapevolezza della nostra identità più profonda,attraverso l’ascolto delle emozioni. Le nostre emozioni sono un efficacissimo ed affidabile sistema di guida interiore. Quando proviamo emozioni che ci creano disagio o malessere, l’anima ci sta comunicando che quello che stiamo facendo, o la direzione che abbiamo scelto non sono in armonia con la nostra essenza interiore e, quindi, quella scelta non può esserci di alcun giovamento. Al contrario, se proviamo gioia, amore e benessere, significa che stiamo agendo in accordo  con quello che la nostra anima aspira a raggiungere ed ottenere.

Come si può avviare il processo di guarigione emotiva?

Il processo di guarigione emotiva si svolge attraverso l’acquisizione della consapevolezza emotiva. Quest’ultima la si sviluppa essenzialmente attraverso i seguenti passaggi:

Chiarire le intenzioni: è acquisire la capacità di individuare, per ogni azione che vogliamo intraprendere, o per ogni cosa che desideriamo ottenere, qual è l’ intenzione primaria. L’intenzione non è altro che la predisposizione emotiva in un dato momento: la nostra intenzione di partenza influisce sul tipo di azione che intraprenderemo, e dal tipo di azione, a sua volta, dipenderà l’esito. Se, ad esempio, il nostro desiderio è quello di vivere una relazione affettiva stabile, le nostre azioni per cercare di raggiungere l’obiettivo saranno differenti, a seconda che l’intenzione (la condizione emotiva) iniziale sia fuggire dalla solitudine, o considerare l’altro come qualcosa che possa rendere più ricca e bella la nostra esistenze; e anche l’esito sarà diverso.

Allo stesso modo, se il nostro desiderio è quello di aumentare le nostre entrate di denaro, le strategie che sceglieremo di adottare per raggiungere lo scopo saranno diverse, a seconda che l’intenzione iniziale sia la necessità di uscire da una situazione di debiti, oppure la gioia di poter contribuire ad un progetto in cui crediamo fermamente.

Ascoltare il linguaggio del corpo: il corpo è il veicolo attraverso il quale le emozioni si manifestano e si esprimono. Le battaglie, i conflitti e tutto ciò che avviene a livello interiore, trova espressione nel corpo attraverso sintomi, sensazioni fisiche, condizioni di stress o, nel caso di emozioni positive, grande energia e vitalità. Se, quando siamo in un determinato stato d’animo, prendiamo l’abitudine di prestare attenzione al nostro stato fisico e a ciò che avviene nel corpo,  ci accorgeremo ben presto che esiste un nesso tra una certa emozione ed una condizione fisica particolare, e che determinate condizioni emotive preferiscono manifestarsi in determinate regioni del corpo anziché in altre.

Sviluppare il potere intuitivo: L’intuizione è l’intelligenza dell’anima, e viene in nostro aiuto là dove la mente razionale e i 5 sensi fisici non sono in grado di darci risposte. Attraverso le intuizioni riusciamo a percepire la realtà non visibile, perché entriamo in connessione con un livello più elevato di coscienza, accedendo così ad una visione più completa della realtà. Possiamo riconoscere il nostro potere di intuizione attraverso una sensazione che ci coglie all’improvviso, o quando abbiamo certezza di qualcosa pur non disponendo di elementi concreti né conferme, o ancora quando un’idea improvvisa si affaccia alla mente, o quando siamo ispirati.

Eliminare le verità assolute: Diventiamo emotivamente consapevoli quando sappiamo che il modo in cui percepiamo la realtà non corrisponde alla realtà stessa. Le emozioni sono la nostra risposta personale a quanto ci accade, e tuttavia rappresenta più una risposta ad una nostra condizione interiore del momento in relazione a quella situazione che stiamo vivendo, che non alla situazione stessa.

Considerare la felicità come una condizione interiore anziché come un effetto di una situazione esteriore. Quando si smette di ricercare la felicità ed il proprio benessere all’esterno, non si vive più perennemente proiettati in un ipotetico futuro e, analogamente, si abbandona anche quello stato di “resistenza al presente” che impedisce di trovare forme di appagamento nel “qui ed ora”

 

Conclusione

Per concludere, chiunque, attraverso il metodo della guarigione emotiva,  può riscoprire il proprio potere autentico: affidandosi al sistema di guida delle proprie emozioni, sviluppando il proprio potere intuitivo e ricongiungendosi, attraverso l’ascolto del corpo, con i reali obiettivi e aspirazioni della propria anima, può ricongiungersi con i desideri della propria essenza più intima e aspirare al massimo della propria realizzazione.

 

crediti immagine

L'autore

Sabrina Quattrini


L'Universo è come un boomerang, e l’energia che emettiamo, inevitabilmente finisce per tornare al mittente. Gli operatori di scienze occulte conoscono bene, quindi, quale fantastico potere abbia ...

Login utente

readme