La legge dello specchio, la regola “magica” per risolvere i nostri problemi con gli altri

La legge dello specchio, la regola “magica” per risolvere i nostri problemi con gli altri

La legge dello specchio ci dice che l'origine dei nostri sentimenti negativi verso una persona è nel nostro "cuore" e non nell'altra persona. Ciò significa che, secondo questa legge, i sentimenti sono radicati in noi stessi e quindi siamo responsabili per le credenze, le idee e i cattivi pensieri che nutriamo nei confronti degli altri.

La rabbia, ad esempio, di solito accade a se stessi e non agli altri. Vale a dire che tutto inizia e finisce in noi stessi perché è la proiezione che gioca con la nostra mente, come se la nostra realtà fosse uno specchio che restituisce a noi l'immagine che produciamo.

Yoshinori Noguchi ricrea questa legge nel suo omonimo libro, attraverso una bella storia, commuovendo fino alle lacrime, che ci offre l'opportunità di assumere e integrare questa idea nella vita di tutti i giorni.
Questo autore ci pone di fronte a uno specchio in modo che possiamo affrontare il nostro interiore che, in definitiva, è quello che determina tutto ciò che ci accade nella vita. Quindi, come direbbe Jung, "ciò che ti rifiuti ti sottomette e ciò che accetti ti trasforma".

Ciò che ci disturba negli altri è ciò che neghiamo noi stessi

Dobbiamo pensare a ciò che ci disturba negli altri. Perché i commenti di nostro fratello ci infastidiscono durante i pasti in famiglia? Perché non siamo in grado di ragionare quando nostra cognata è di fronte a noi? Perché non sosteniamo che gli altri non ci supportano quando lo vogliamo?
Per analizzare questo, è bello elencare tutte le cose che ci infastidiscono nelle persone che ci circondano. Probabilmente realizzeremo che ci sono valori che sottovalutiamo anche noi; cioè, probabilmente capiremo che ci sono anche cose che stiamo facendo male.
In un certo senso, dobbiamo porci domande come: perché non reagiamo allo stesso modo degli altri quando affrontiamo una situazione? Perché un semplice "ciao" secco ci infastidisce quando proviene da certe persone e non provoca reazioni in noi se gli altri lo dicono? La risposta è semplice: non sentiamo le stesse cose per alcune persone e per altri.
Ecco perché il prossimo passo è fare una lista di ciò di cui dovremmo essere grati per quelle persone che ci stanno dando fastidio (Probabilmente hanno fatto qualcosa per noi o qualcuno che amiamo)

Sapremo che ci siamo liberati quando ciò che ci disturba nell'altro cesserà di infastidirci e quando l'esperienza che ci ha infastidito cesserà di essere ripetuta.


Non ci sono limiti di tempo per il completamento di questa lista; cioè, dobbiamo prendere il tempo necessario per esaminare il numero di caratteristiche che ci infastidiscono nell'altra persona e che sono anche dentro di noi. Quando avremo finito, sarà saggio fare un'altra lista con i punti di cui vorremmo scusarci.
Potrebbe essere difficile per noi compilare questo elenco e al termine, pensavamo di averlo riempito di dettagli che erano forzati e non importanti. Tuttavia, questo gesto difficile ci sarà utile per renderci conto che a volte i nostri occhi erano ostili, o che abbiamo parlato con qualcuno con un tono secco, o che li abbiamo criticati alle loro spalle.
L'ultimo passo, e il più coraggioso, è contattare questa persona chiamandolo, mandandogli una lettera o parlando direttamente con lui. Dovremo ringraziarla per i motivi che abbiamo indicato nella prima lista e poi le chiederemo perdono per tutte le cose che abbiamo notato nella seconda lista.

Questo passaggio è così difficile che crediamo che sia poco pratico, soprattutto perché riteniamo che mantenere le distanze sia un problema di salute mentale. Tuttavia, dobbiamo chiederci se vogliamo cancellare questo dolore o se vogliamo mantenere questo orgoglio come guida per la nostra vita.


Se vogliamo superare questo punto e fare tutto il possibile per cancellare questo rancore, il contatto deve essere diretto. D'altra parte, se non consideriamo questa opzione, un modo meno radicale è scrivere una lettera che non invieremo, per permetterci di liberarci dal peso emotivo che continuiamo a sotterrarci.
In un modo o nell'altro, conoscere la legge dello specchio ci aiuta ad essere in attesa e a cercare di non nutrire il nostro risentimento e i nostri cattivi sentimenti in futuro. Non dobbiamo dimenticare che proiettiamo ciò che portiamo in noi stessi ed è per questo che tutto ciò che vediamo negli altri probabilmente dirà di più su noi stessi piuttosto che sugli altri.
https://psychologyinstructor.com › Home › Psicologia
 

Login utente

test