Cosa vuol dire per me camminare con Gesù?.... 27......5.....16

 

Cosa vuol dire per me camminare con Gesù?

Significa fare la Sua volontà giorno per giorno, momento per momento.

{#emotions_dlg.cuore}

Quando siamo sicuri di essere sulla buona strada niente deve farci tornare indietro, tanto meno l'opinione degli altri. Non dimentichiamoci che al di sopra di noi esistono esseri LUMINOSI che ci sostengono lungo il cammino-VITA.

Chi si preoccupa dell'opinione pubblica al punto di trascurare l'opinione del Cielo, mostra di non aver compreso che cosa è veramente essenziale nella vita. Può succedere che, con il nostro desiderio di metterci al servizio del bene e della luce, suscitiamo  delle reazioni negative. La persone che vivono accanto a noi potranno essere contrariate per il fatto che non vogliamo tener conto del loro parere, ma noi perseveriamo nella via che sappiamo essere la migliore per noi. Prima o poi sapranno riconoscere che, malgrado l'apparenza,  abbiamo fatto bene a scegliere la via della Luce.

Gesù disse: " Io vi dirò ciò che occhio non ha mai veduto e ciò che orecchio non ha mai inteso, ciò che mano non ha mai raggiunto e ciò che non è mai affiorato nel cuore dell'uomo"..

C'è stato un tempo nella mia vita che l'unica preghiera che riuscivo a dire era "Gesù aiutami a capire". Oggi la preghiera è solo mutata in " Gesù aiutami a SENTIRE ".

Sapete come sento che abbia vissuto Gesù il suo passaggio sulla Terra?

{#emotions_dlg.annaffia}

Ritengo Gesù l'uomo-DIO più Grande e Intelligente degli ultimi millenni. E se così lo sento, allora deve aver riso molto...L'ironia creativa deve essere stata in Lui naturale, spontanea. Un cuore che ama, come Lui ha amato, non può non sorridere ed essere gioioso nonostante l'inconsapevolezza umana.

E le donne? Le donne lo adoravono a tal punto da diventare le sue discepole più coraggiose e fedeli.. Il suo amore per la vita era meravigliosamente passionale, umano e anche se diceva " Io sono il figlio di Dio " ancor più spesso diceva"Io sono il figlio dell'uomo"..

Mi immagino un Gesù che sorrideva divertito nel vedere i suoi apostoli non sempre capire le Sue Parole. Infatti li ha chiamati anche "uomini di dura cervice"

Un uomo così pieno d'amore che amava i frutti della terra non poteva non ridere, gioire, oltre che soffrire..  Ecco perchè Gesù ha conquistato anche le mie viscere, oltre che il mio cuore.. Era un Dio che viveva l'essere uomo da vero Uomo. Così Sento Gesù.

Il senso dell'umorismo è (per me) uno degli elementi essenziali dell'intelligenza, per questo penso che Gesù deve aver sorriso e riso molto, dato che fu un vero figlio anche della terra.

Quando tantissimi anni fa lessi "Il Quinto Vangelo di Tommaso" ho sentito Gesù come da bambina mi ero immaginata fosse. Ricordo quanto risi e quanto piansi nel ritrovare un Gesù VIVO, un Gesù che non raffigurasse solo l'icona del dolore.

San Tommaso ripeteva spesso:" Come sorrideva Gesù quando..........." Si penso che non poteva non ridere dato che tanto SI AMAVA E AMAVA.

Se chiudo gli occhi mi vedo raggomitolata ai suoi piedi (i suoi piedi sono sempre stati per me un centro di grande attrazione.) ad ascoltare le Sue Divin Parole, pazzamente rapita, estasiata, innamorata, E SE COSI MI SENTO, come posso non essere felice? E se sono felice come posso non sorridere? E come avrebbe potuto non farlo anche Lui nel vedermi così gioiosa ?

Ecco il DIO che tanto SENTO, ecco l'uomo che tanto AMO.

{#emotions_dlg.big-hug} Marinella

(Nessun oggetto)

{#emotions_dlg.big-hug}

Login utente

test