Il sesso è una via tramite cui lo Spirito cerca Sé stesso....27....4...18

Il sesso è una via tramite cui lo Spirito cerca Sé stesso

di Tiziano Bellucci

La riproduzione, il perpetuarsi della specie è presente in tutti i regni, escluso il minerale.

L’impulso insito nelle forze sessuali, impegnato per la lotta per l’esistenza, cela una segreta intenzione promanante dallo spirito universale: il generare continue e incessanti occasioni per esperire il fenomeno dell’esistenza, il processo della vita entro un corpo fisico.

Il nascere, il vivere, il morire, il rinascere sono una scusa, un pretesto, uno stratagemma ideato dall’Io del cosmo (Dio), per arrivare ad avere un auto esperienza di sé. Afferrarsi, sapere di sé, avvertire la propria presenza tramite la vita dentro un corpo singolo, è una condizione particolarissima e inusuale per un’entità spirituale.

Nella dimensione dello spirito, “sapere di sé” non è una esperienza comune. Si sa di esistere, ma non è assolutamente necessario “conoscersi”, dirsi “io”: perché non esistono là, principi individuali autocoscienti. Tutto è di tutti e tutti sono uno. Nel mare indifferenziato dello spirito, le “gocce” (entità spirituali) fluttuano e fluendo l’una nell’altra continuamente, partecipano all’eterno ondeggiare. Che è la vita dell’universo, la partecipazione al comune e univoco scopo: progredire sempre a stati e livelli superiori di coscienza.

Il dirigere la “fase” terrestre, costituita di corpi “di terra” solidi, è parte del piano, della “scuola” capace di far conseguire alla spiritualità generale, un diverso stato di coscienza, una diversa esperienza e percezione di sé. Importante è comprendere che il cosmo ha scelto l’essere umano come realizzatore di questo nuovo stato di coscienza: l’Universo e la natura sono in perenne attesa di ricevere dal “figlio dell’uomo” (il frutto dell’esperienza terrestre umana), le “consegne” della sua attività terrestre. Esperienza che verrà un giorno a far parte del patrimonio dei carismi universali e della totalità di stati di coscienza del mondo spirituale. Quest’ultimo riceverà “nuova vita”, nuova linfa, nuova luce che verrà usata per future esistenze, futuri sistemi, futuri esseri.

Lo spirito cosmico “si cerca”, si vuole, desidera sapere di sé, della sua identità: e tramite l’uomo “spinge” la corrente della vita, come sua intenzione di “pura brama” di conoscenza. La “pura volontà di conoscere, o brama divina” si esprime nell’uomo a tutta prima come sesso. Cosa che l’uomo male interpreta, deforma e utilizza al di là dello scopo che gli dovrebbe essere proprio. La forza sessuale chiede di essere disincantata nel suo iniziale presentarsi, dalla sua veste di forza procreatrice e di sensazione erotica. Da brama del corpo, chiede di diventare brama per il divino: da passione per il corpo, invoca la pura passione per il ritrovamento dell’identità mai avuta, dallo spirito.

Una persona bramosa, quindi potenzialmente non può essere né un “fuorilegge di Dio” né rappresentare il “male”: è soltanto un essere in cui lo Spirito “si cerca più che in altri”. Un uomo pieno di passioni, brame e istinti, purché esprima un minimo di capacità di pensiero, se saprà dare un senso alle sue brame, apparirà un individuo ricco di forze di conoscenza: un reale potenziale “cercatore” di sé.

Non esistono “peccatori”, ma soltanto uomini in attesa di comprendere il valore della vita: il dilemma è non arrivare mai a capirlo. Restare “bramosi” tutta la vita senza capire nulla del senso delle brame e degli istinti, è il grande peccato. Il senso della vita, è dare un senso alla vita: comprendere il ruolo delle brame, delle passioni travestite da “occasioni di autoconoscenza”.

La scienza dello spirito europea, indica una via per la realizzazione di una “purificazione” della brama ordinaria, in pura “brama per lo spirito”. Ciò è ritrovabile nei testi di R. Steiner: l’Iniziazione, Scienza occulta e Teosofia. Si tratta della “Meditazione della rosacroce”.

..

Il Suono della Luce

Passato, presente e futuro della ricerca spirituale

di Tiziano Bellucci

L'obbiettivo principale per un uomo dovrebbe essere quello di imparare ad amare, vale a dire, di liberarsi dal giogo della personalità per ritornare ad udire la Voce dello Spirito: il Suono della Luce.

In Il Suono della Luce l'autore presenta un metodo sperimentale per promuovere la riemersione del Suono della Luce che, pur essendo sprofondato nell'inconscio della psiche umana, continua a riecheggiare timidamente in ogni sentimento umano e a baluginare ogni volta che i sensi incontrano il mondo.

Questo libro offre al lettore gli strumenti occorrenti per entrare in contatto con quella parte di sè che è una cosa sola con il Sè originario, il Suono della vita, il 'big bang della scienza' o il grande Suono archetipico primordiale da cui è nato il nostro universo. Elaborando gli insegnamenti di Rudolf Steiner, fondatore dell'antroposofia o Scienza dello Spirito, l'autore rende vivi concetti ai quali spesso si aderisce intellettualmente, ma che non sempre vengono esperiti personalmente. Delinea, così il profilo di un sentiero di crescita interiore effettivamente percorribile.

...

Articolo di Tiziano Bellucci, autore di "Il Suono della Luce", Crisalide Edizioni
BLOG: http://unicornos.forumattivo.com/
SITO: http://tizianobellucci.it/page2.php
FORUM: http://unicornos.com/

di Tiziano Bellucci

 

Login utente

readme