LE PAROLE NON DETTE....................( C'E' POSTA PER NORY )

Mai come in questi giorni, che sono in "crisi", ho compreso l'importanza di questo forum.

Nel video dedicato ad Aurora, nel post " Le Parole non dette", ho trovato le parole atte a lenire e a sciogliere il nodo alla gola che non mi faceva respirare.

Ho compreso che per volare libera da tanti macigni che mi porto dentro, ho bisogno d'imparare a parlare principalmente con me stessa.

Mai mi sono permessa di mettermi davanti allo specchio, guardare veramente il mio viso riflesso e ammettere che dentro ci sono le paure, le ansie e i dolori, ben celati, affinchè nessuno li vedesse, nemmeno io.

Adesso so che disconoscere questa parte di me mi ha causato inutili sofferenze.

La mente mi diceva: "non fare la vittima" e allora il controllore alzava una barriera e il giudice faceva il processo.

Di parole non dette ne ho un mare dentro.....ecco cosa significa avere il chakra della gola chiuso.

Come potevo solo immaginare che gli altri mi capissero, se nemmeno io lo facevo con me stessa ?

Ho copiato e stampato le parole di questo video affinchè s'incidano a caratteri di fuoco e non vengano più cancellati perchè: IO DESIDERO VOLARE LIBERA.

Eccole: 

Osservare i limiti o l'ignoranza causata dagli schemi mentali, aiuta ad intraprendere il sentiero della Consapevolezza.

Provare a penetrare gli aspetti della vita con comprensione e compassione, aiuta a liberarci dalle reazioni promosse dalla mente.

Sono i progetti mentali che fungono da catalizzatore verso la sofferenza.

Intendere l'impermanenza, i ping.pong dell'ego, la dualità in tutte le sue forme, e vivere il QUI E ORA, sono i principi base necessari per volare finalmente liberi.

Ecco, io credo di aver fatto un forellino nella diga, che ne dite ?.......spero di non allagarvi ........{#emotions_dlg.cry}

Un abbraccio di cuore a tutti        NORI {#emotions_dlg.cuore}

Cara Nori, coraggio è dura,

Cara Nori,

coraggio è dura, ma quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare.

Consideriamoci dei duri visto che abbiamo scelto la strada cristica e che per alcuni aspetti e faticose salite, non è per niente facile. Ci sono di mezzo le emozioni, i sentimenti ed è lacerante, lo so.

Ricordi quante volte mi sono augurata di sentire male, ricordi l'insegnamento che ho fatto mio: "si cresce anche nel dolore" ? 

Hai rivolto a me un milione di parole di conforto quando la mia impazienza mi faceva tribolare. Ricordi? Non hai ancora finito di incitarmi.....e anch'io sto lottando con i miei schemi mentali.

Sono i progetti mentali che fungono da catalizzatore verso la sofferenza.

Tu sei a buon punto,  stai smascherando i tuoi progetti mentali, non è più necessario fingere, sei pronta a volare libera, finalmente.......evviva.

A scuola, quando si raggiunge una nuova stazione di posta, si celebra.

Ultimamente anch'io, dopo un profondo sconforto, avevo pensato che non mi era più possibile combattere la mia resistenza, visto e considerato che era così forte.  Bene allora avevo raggiunto la mia nuova stazione di posta, ricordi come ero felice poi? 

Pensa che anche per te è senz'altro così. 

E' solo un momentaccio, anche questo passerà, ti sono vicina lo sai.

Ti abbraccio forte forte

Ale

 

P.S.

Nori, mi rendo conto di aver detto a te esattamente quello che avrei voluto sentirmi dire perchè anch'io sono nel dolore, anch'io mi sto specchiando e mi sono resa conto, solo rispondendo al tuo post, che sto vedendo un mio fortissimo schema mentale: "devi essere buona a tutti i costi, non devi fare del male ad altri". Ancora una volta devo ringraziarti per avermi permesso di vedere ciò. Ricorda il nostro pseudo Karma....

A presto. 

Superare i momenti difficili Come uscire da un periodo di crisi

E' ESSENZIALE STARE IN QUESTA ENERGIA PER POTERLA POI SUPERARE DEFINITIVAMENTE. Ti siamo vicini..{#emotions_dlg.cuore} namaste' viramo e il gruppo- CONSAPEVOLEZZA ...CIAO

///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Superare i momenti difficili
 Come uscire da un periodo di crisi

La parola d'ordine è: vivere. Anche se
sembra scontato e banale è fondamentale non interrompere i propri
contatti e movimenti nel mondo, anzi, è assolutamente importante
ampliare i propri orizzonti. La prima cosa che viene da fare in momenti
di sconforto è starsene soli, smettere di portare avanti i propri
progetti, diventare scorbutici e così via: niente di più sbagliato. Per
superare rapidamente i momenti bui e far sì che non diventino una
componente essenziale della nostra esistenza occorre affrontarli con
"una smorfia che si trasforma in sorriso":

  • Uscire spesso,
    conoscere, sorridere, buttarsi senza paura nella mischia:
    trovare/riscoprire vecchie e nuove amicizie/amori (non c'è davvero nulla
    da perdere).
  • Continuare a portare avanti i propri progetti
    personali/individuali (lavoro, scuola, hobby, ecc.) con spirito positivo
    (senza diventare però ossessivi).
  • Dare il proprio aiuto a chi
    sta peggio di noi (un sorriso sincero da parte di una persona che
    abbiamo aiutato è quanto di più gratificante possa esistere).
  • Anche
    piangere se dentro si sente qualcosa che deve uscire ma che questa non
    diventi una pratica continua (di sfogo se ne deve fare uno solo!).
  • Andare
    in compagnia (o anche da soli) in luoghi dove la gente sorride e si
    "svaga" (palestre, discoteche, locali, concerti, cene, feste, ecc.).
  • Guardare
    film comici/divertenti, leggere fumetti per bambini e ascoltare musica
    allegra (no a melodie struggenti e/o pellicole drammatiche!).
  • Niente
    alchool, droghe, fumo o altri generi di "eccessi": non possono che
    peggiorare la nostra condizione aggiungendo guai ad altri guai.
  • Focalizzare
    i problemi che ci affliggono (raccontandoli a qualcuno di cui ci
    fidiamo o eventualmente scrivendoli in dettaglio, dalla A alla Z!).
  • Dopo
    averli focalizzati non stiamo soli a pensarci e ripensarci all'infinito
    (una volta basta e avanza).
  • Mangiare cibi e bevande che amiamo
    in compagnia di amici o parenti (anche qui senza esagerare ovviamente).
  • Scaricarsi
    dal peso di essere falsi e/o bugiardi, provare ad essere completamente
    sinceri con le persone che ci stanno intorno (senza risultare
    offensivi).

Non
c'è nulla di male o di strano nell'avere un periodo di crisi, si tratta
di momenti che tutti quanti viviamo quasi quotidianamente: anche chi ci
sembra avere una vita fantastica prima o poi ne è preda. E' nella natura
dell'essere umano avere delle difficoltà, sentirsi "minorati",
desiderare di più, essere delusi da ciò che ci circonda, succede a tutti
e non ci si deve abbattere, se desideriamo davvero qualcosa occorre
combattere e stringere i denti per ottenerla.

Se non ci fossero
difficoltà (grandi o piccole che siano) la vita sarebbe ben più
terribile di quanto la si vede con gli occhi di uno sconfitto. E'
importante dire infine che i suddetti consigli funzionano solo se
seguiti alla lettera e "in gruppo"; ad una persona che sta bene possono
risultare anche "stupidi" ma per chi è afflitto potrebbero rappresentare
la via d'uscita da una condizione che potrebbe evolversi in depressione
o peggio.

Scritto da:
aFiGoZ

 

www.arcadiaclub.com/.../superare_periodo_crisi.htm -

Login utente

test