Imparare l'arte del discernimento e di vedere le cose come sono

 

Imparare l'arte del discernimento e di vedere le cose come sono

James Allen

 

C'è un'abilità fondamentale per lo sviluppo spirituale: la capacità di discernere. Il progresso spirituale è dolorosamente lento e incerto finché non si aprono gli occhi del discernimento, perché senza questo test, dimostrando, cercando abilità, brancoliamo nel buio, incapaci di distinguere il reale dall'irreale, la sostanza dall'ombra, il falso dal vero. Senza discernimento, troppo spesso scambiamo i suggerimenti interiori del nostro piccolo io per la voce dello spirito superiore della Verità.

Una persona cieca in un nuovo posto può brancolare attraverso le tenebre ma non senza molta confusione, molte cadute dolorose e molti lividi. Allo stesso modo, senza discernimento, le persone sono mentalmente cieche, e le loro vite consistono in dolorosi brancolanti nelle tenebre - una confusione in cui vizio e virtù sono indistinguibili l'uno dall'altro; dove i fatti sono fatti per le verità e le opinioni sono confuse con i principi; e dove idee, eventi, persone e cose sembrano non essere correlate l'una con l'altra.

Idealmente le nostre menti e le nostre vite sarebbero libere dalla confusione. Possiamo aspettarci di essere pronti ad affrontare ogni difficoltà mentale, materiale e spirituale e di non essere mai presi (come troppi sono) nelle maglie del dubbio, dell'indecisione e dell'incertezza, anche di fronte a problemi e alle cosiddette disgrazie. Possiamo essere fortificati contro ogni emergenza che può venire contro di noi. Ma tale preparazione mentale e forza non possono essere raggiunte senza discernimento, e il discernimento può essere sviluppato solo esercitando costantemente la mente.

Sviluppare e rafforzare il discernimento: vedere le cose come sono

La mente, come un muscolo, è sviluppata dall'uso e l'esercizio costante della mente, confrontando e analizzando continuamente le idee e le opinioni degli altri, svilupperà e rafforzerà la capacità e il potere mentale. Questa è la funzione di un'educazione tradizionale nelle arti liberali, per allenare la mente in queste abilità. Il discernimento, tuttavia, è qualcosa di più grande delle facoltà analitiche e critiche; è anche una qualità spirituale da cui vengono eliminati la crudeltà e l'egoismo che così spesso accompagnano le critiche e vediamo le cose come sono, non come vorremmo - o come ci è stato insegnato ad aspettarci - per essere.

Il discernimento, essendo un'abilità spirituale, può essere sviluppato solo con metodi spirituali, cioè interrogando, esaminando e analizzando le proprie idee, opinioni e comportamenti. Le nostre tendenze critiche e di individuazione dei problemi non devono più essere applicate alle opinioni e alla condotta degli altri, ma devono essere applicate - senza esclusione di colpi - a se stessi. Dobbiamo essere pronti a mettere in discussione ognuna delle nostre opinioni, pensieri e comportamenti e metterli alla prova contro i nostri principi scelti, le dieci qualità divine. Per "provare tutte le cose" (1 Thessalonians 5: 21) è trovare le idee utili e mettere da parte la spazzatura. Solo in questo modo si può sviluppare il discernimento che distrugge la confusione.

Tuttavia, prima di poter iniziare un simile esercizio mentale, dobbiamo diventare insegnabili. Questo non significa che dobbiamo permettere a noi stessi di essere guidati dagli altri. Significa che siamo pronti ad osservare i nostri pensieri e sentimenti e poi lasciare andare tutti i pensieri, le convinzioni, le convinzioni o le opinioni che non hanno una base logica o che ostacolerebbero il nostro raggiungimento dei nostri sogni più elevati.

Essere disposti a mettere in discussione le tue opinioni o ragionamenti

Chiunque dice "Ho ragione!" Senza essere disposto a mettere in discussione la sua posizione rimarrà bloccato nei pregiudizi e non acquisirà discernimento. Ma le persone che umilmente chiedono: "Ho ragione?" E poi procedono a testare e dimostrare le loro posizioni con un serio pensiero e l'amore della Verità sarà sempre in grado di scoprire il vero e distinguerlo dal falso o dall'indegno. Avranno il potere inestimabile del discernimento.

Coloro che hanno paura di mettere in discussione le loro opinioni o ragionare sulle loro posizioni dovranno sviluppare coraggio morale prima di poter acquisire discernimento. Devono essere impavidi con se stessi prima di poter percepire i chiari principi della Verità e ricevere la sua luce rivelatrice. Non hanno bisogno di paura; La verità non può soffrire sotto esame e analisi; più è messo in discussione, più luminoso brilla. Al contrario, più l'errore viene messo in discussione, più diventa scuro; non può sopravvivere alla ricerca del pensiero.

La confusione, la sofferenza e l'oscurità spirituale seguono l'insensato. L'armonia, la beatitudine e la luce della verità assistono al pensiero. La passione e il pregiudizio sono ciechi e non possono discriminare. . .

Coloro che ragionano e meditano imparano a essere consapevoli e coloro che possono discernere scoprono l'eternamente Vero.

 

https://it.innerself.com › personal › inspiration › 9514-

"Se ti capita di sentire solitudine, piuttosto che rifiutarla, piuttosto che riempire la tua vita di oggetti, di persone e di relazioni per non sentirla, prova a sederti ed ascoltare. Accoglila. Respirala. Scoprirai che non si tratta di solitudine, ma di nostalgia. Si tratta del ricordo del momento in cui hai abbandonato te stesso e ti sei perso nelle cose, nel mondo, nelle paure, nelle passioni. Ad ascoltarla bene quella solitudine è esattamente questo: nostalgia di te. Esplorarla, accoglierla, ringraziarla, ci permette di vivere una profonda esperienza di riconciliazione con noi stessi.
A volte basta semplicemente avere la pazienza e l’amore per sedersi, in silenzio, ed ascoltarsi. In Solitudine. In ciò che rifiutiamo è piantato il seme di quello che da sempre andiamo cercando."


Daniel Lumera

 

Login utente

test